Una tecnica infallibile per vendere di più

Forse non sai che ci sono alcuni punti che dovresti sempre tenere presente se sei un imprenditore nel settore food (ma non solo), sono semplici passaggi che ti permetteranno di incrementare in modo considerevole le vendite e oggi te ne svelo uno:

Quando si tratta di acquistare un prodotto (qualsiasi esso sia) l’immagine è la prima cosa che colpisce, come si dice “l’occhio vuole la sua parte”, tanto che il packaging è la prima cosa da considerare.

Da uno studio fatto risulta infatti che circa il 40% delle persone scelgono un determinato prodotto a discapito di un’altro proprio perché il design accattivante attira e cattura la loro attenzione, la stessa cosa per i clienti affezionati, non importa se lo sono da 1, 10 o 50 anni, se vedono qualcosa che li attira maggiormente ti salutano senza pensarci troppo.

Ci sono quindi due passaggi fondamentali per chi si occupa di questo, la semplicità e l’accuratezza, cerca sempre di tenere a mente che il consumatore vuole prendere una decisione il più velocemente possibile, non ha voglia di perdere tempo, utilizzare una grafica con troppi “fronzoli” non ha senso ed è controproducente, cerca di realizzare invece qualcosa di interessante con 2 massimo 3 colori e poche immagini (molto poche), non utilizzare parole troppo tecniche, questo per non confonderlo, utilizza magari i termini più in voga al momento nel settore del food, come per esempio vegano, senza glutine, prodotto organico, ecc…

Una differenza importante poi è il prodotto per adulti e quello per giovani e bambini, nel secondo caso dovrai accompagnare il prodotto con una grafica per loro riconoscibile, quindi un personaggio famoso per esempio, per chi ha uno stile di vita molto attivo e dinamico conviene impacchettare il prodotto con porzioni singole per essere più pratico, viceversa se si rivolge ad adulti e famiglie è meglio creare una confezione più grande per essere consumato nel tempo.

Se metterai in pratica questi consigli avrai senz’altro un riscontro immediato.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •